Traumi oculari

I traumi oculari rappresentano la prima causa nella popolazione dei pazienti portatori di protesi oculari.

I traumi oculari sul lavoro sono, fortunatamente, molto diminuiti per le misure di protezione adottate obbligatoriamente nelle fabbriche, laboratori etc. Anche i traumi da gioco sono diminuiti per le norme sulla sicurezza dei giocattoli. Nonostante queste attenzioni, purtroppo, ancora oggi molte persone perdono la vista e, qualche volta, anche l’occhio. Le cause più frequenti sono gli incidenti stradali, scoppio di petardi, cadute accidentali in casa di persone anziane, etc.

In caso di traumi l’occhio può diventare atrofico, o può essere necessario ricorre ad una enucleazione o eviscerazione. Anche in caso di traumi oculari si può ottenere un ottimo risultato estetico applicando protesi su misura, su impronta, sul bulbo o nelle cavità sottoposte a chirurgia.

Altri approfondimenti

eventi

La Dott. Modugno partecipa come relatore alla Scuola di Specializzazione di Oftalmologia dell’ Università degli Studi di Roma Policlinico Umberto I

Università degli Suti di Roma Policlinico Umberto I Scuola di Specializzazione di Oftalmologia : Direttore prof Alessandro Lambiase “Le via lacrimali: anatomia , fisiopatologia e chirurgia” Relatore Dott. Nazareno Marabottini “L’epifora nei pazienti portatori di protesi” Relatore Dott. Alessandra Modugno Il dettaglio: I problemi legati alle alterazioni delle vie lacrimali sono molto importanti soprattutto negli anziani che lamentano spesso epifora,

eventi

Lezione presso scuola di specializzazione in oftalmologia dell’università Magna Græcia di Catanzaro

Si è svolta oggi una lezione presso la scuola di specializzazione in oftalmologia dell’università Magna Græcia di Catanzaro, diretta dal Prof. Vincenzo Scorcia dal titolo:             Il paziente portatore di protesi oculare dalla patologia alla terapia medica e chirurgica                                                           Guida alla prescrizione protesica   La dottoressa Modugno e la dottoressa del grande hanno illustrato come